scopri ISMO 2 offerta e metodologie 2 impresa culturale 2 percorsi professionali 2

ISMO per la Pubblica Amministrazione

Nell'ambito della Pubblica Amministrazione si stanno realizzando processi di profonda innovazione: cambiano gli approcci, le modalità di lavoro, i rapporti con gli utenti e con la comunità.

Entrare negli Uffici di molti Comuni significa avere esperienza di un ambiente accogliente e in cui le proprie necessità di cittadino vengono prese in carico da operatori competenti e ben coordinati. Molti enti hanno sviluppato la propria efficienza ed efficacia e sono in grado di dare risposte quasi immediate alle domande dei cittadini. La maggior parte degli ospedali sono in grado di garantire livelli qualitativi complessivi molto superiori al passato. Dove c'era il "palazzo" sempre più spesso avvengono consistenti processi di sostanziale apertura nei confronti dei cittadini, in termini di semplificazione, trasparenza e anche di partecipazione. Nella attuale difficile situazione, la PA (o meglio le persone della PA) stanno assumendo con forza la responsabilità di attuare importanti cambiamenti di cui il Paese ha bisogno, bilanciando le esigenze di contenimento della spesa con il bisogno crescente di servizi di qualità da parte di famiglie ed imprese.


Il gruppo con_ISMO opera in questo contesto a supporto del cambiamento in corso, a partire dalla convinzione che la Pubblica Amministrazione sia un bene comune da valorizzare anche attraverso "progetti comuni", che rendano protagoniste le persone della PA. Insieme ai cittadini.

La nostra offerta per la P.A.

  • Sostegno nei processi di apprendimento
  • Sostegno nei processi di cambiamento organizzativo
  • Supporto a comunità organizzative e reti
  • Monitoraggio e valutazione
  • Consulenza strategica
  • Ricerca e osservatori sul mercato del lavoro
  • Interventi di consulenza, formazione e ricerca nel settore dei servizi per il lavoro e delle politiche attive per il lavoro
  • Interventi organizzativi di supporto agli enti locali nei processi di spending review