scopri ISMO 2 offerta e metodologie 2 impresa culturale 2 percorsi professionali 2

I dilemmi della vita - Spunti di vita activa

Alcune parole sono così ovvie che ci sfuggono nei loro significati e nei loro risvolti felici e drammatici.
Sono talmente ovvie che non hanno più sapore.
Due di queste vogliamo porre al centro di una interrogazione sfaccettata e profonda:

cambiamento e individuo

Cambiare: cosa, perché, come, chi?
La retorica quotidiana dai media alle convention manageriali mette al centro il cambiamento, un termine di semplice ed universale comprensione che nasconde un abisso di interrogativi mai veramente approntati. Interrogativi che interpellano i fondamentali dell’esistenza, in termini temporali, spaziali, relazionali. Soprattutto tali retoriche lasciano in ombra i soggetti autori di movimento o consumatori di movimento (i frenetici globe trotter), i soggetti/oggetti trascinati e a volte travolti dal cambiamento.
La formula impersonale (si cambia) o universale (il mondo cambia) ci minaccia e ci lascia nudi, sprovveduti, in balia delle onde.

È così che l’individuo, questo “idios” isolato e decontestualizzato (o globalizzato) non sa più “danzare” nel e con il mondo.
Le opportunità aperte da nuove scoperte e da sofisticate tecnologie non sempre sono valorizzate come mezzi
per costruire un futuro più felice, ma come gadget
da consumare nel presente.
Un presente appiattito sull’effimero del tempo che fugge e non goduto come presenza piena dell’esserci in un tempo ed in uno spazio da vivere, costruire, inventare con altri, attraverso nuovi mezzi. L’individuo che non interroga se stesso ed il senso del suo “essere mondo e nel mondo” rischia di ritirarsi nella paura o di correre (non camminare) all’inseguimento di un fantasma.

Anche quest’anno ISMO propone a tutti coloro che desiderano regalarsi uno “spazio verde” per riflettere e sognare, un ciclo di incontri sui temi
del “bel e buon vivere” in compagnia di sociologi, filosofi, artisti, teologi, poeti, psicologi, scienziati che hanno accettato di mettere il loro sapere e la loro soggettività a disposizione di un pensiero sociale, allargato e, si spera, vitalizzante.
Titolo Data creazione Autore
I legami nel tempo dell’evaporazione del padre 27 Ottobre 2011 Scritto da Massimo Recalcati
A cosa serve il Mediterraneo? 21 Giugno 2011 Scritto da Lucio Caracciolo
L’espérance de gain–la speranza di guadagno 07 Maggio 2011 Scritto da Giampaolo Lai
Farsi carico del futuro 02 Aprile 2011 Scritto da Elena Pulcini
L'arte nella costruzione del futuro 12 Febbraio 2011 Scritto da Philippe Daverio
Libertà e Soggettività, Verità e Virtù 13 Novembre 2010 Scritto da Salvatore Natoli
Manifesto per la felicità 23 Ottobre 2010 Scritto da Stefano Bartolini
Elogio del discorso inutile 18 Settembre 2010 Scritto da Pietro Barcellona
Liberare l’azione ad occidente 19 Giugno 2010 Scritto da Marco Guzzi
Documentalità 08 Maggio 2010 Scritto da Maurizio Ferraris