scopri ISMO 2 offerta e metodologie 2 impresa culturale 2 percorsi professionali 2

LavorInCorso - CON...O...ScENZA

Con colleghi, esperti e studiosi di differenti campi ISMO continua l’esplorazione, avviata negli anni precedenti, sulla tematica fondativa dell’essere sociale e quindi della conoscenza.
La conoscenza è per definizione un fenomeno collettivo, debitore di relazioni e di legami intersoggetivi che si sviluppano nel tempo; ognuno, dal momento della nascita, viene marcato dai legami intessuti con e intorno a lui e per lui, oltre che diventarne a sua volta tessitore.
L’esistenza umana, individuale e collettiva, prende forma su uno sfondo drammatico costituito dall’antinomia fra legami e slegami.
L’esistenza è fatta di legami, nodi, vincoli, che fanno dipendere gli esseri umani l’uno dall’altro. In ciascun essere vi è il segno dell’intera umanità, come in ogni momento vi è un tempo infinito.

Ogni parte è ologramma del tutto, come ogni frase è comprensibile nella struttura complessa del periodo che la comprende. Ma l’esistenza umana è anche scossa da continui e ricorrenti sfide nomadiche, da desideri di fuga, di erranza e di devianza.
E questa trasgressione delle frontiere è contemporaneamente distruttiva e costruttiva se permette di cercare una nuova circolazione di emozioni all’interno del corpo sociale. Il prezzo da pagare è spesso la solitudine che, come dice Heidegger, favorisce la comunità in quanto “getta, sciogliendolo, il “Dasein” nella vasta prossimità di ogni cosa”. La vita è sempre un cammino fra il qui e l’altrove, un uscire da un luogo per entrare in un altro luogo,
Senza chiudersi per meglio godere, quindi, di nuove prossimità. Creare l’altrove per fondare un nuovo con, permettere a Prometeo di coesistere con Dionisio, vivere “con e senza”: questa è la sfida della contemporaneità alla ricerca di nuove comunità, di nuovi professionismi e nuove frontiere della conoscenza.
È la sfida lanciata all’individualismo imperante che produce isolamenti e non solitudini, integralismi e non integrità, è la ricerca profetica ed interminabile di distanze vincolate e di radicamenti dinamici.
Vito Volpe con Maria Giovanna Garuti, Marco Carcano, Roberto Ferrari, Silva Roà, Giorgio Vallery, Luigi Volpe e gli altri colleghi di ISMO invitano una pluralità di voci a risuonare una con l’altra, intersecandosi, contrapponendosi nel tentativo di cogliere vicinanze e distanze che accompagnano l’esistenza di soggetti, comunità, organizzazioni nel loro stare e nel loro andare.

Gli incontri si terranno dalle ore 10.00 alle ore 13.00, presso la nostra sede ISMO Spazio Idea, via Lanzone 36, Milano.

Titolo Data creazione Autore
Il viaggio: migrare come le rondini o errare come gli orsi? 05 Novembre 2005 Scritto da Maurizio Maggiani
Con o senza la cura 11 Giugno 2005 Scritto da Chiara Saraceno
L'ermeneutica tra filosofia e teologia 16 Aprile 2005 Scritto da Edoardo Boncinelli
Lavoro e disparità 19 Febbraio 2005 Scritto da Antonio Schizzerotto
Soggetti in formazione. Gruppoanalisi e prove d'orchestra 22 Gennaio 2005 Scritto da Diego Napolitani e Daniele Agiman
Ripensare il legame sociale nell'età globale 11 Dicembre 2004 Scritto da Elena Pulcini
Educazione e globalizzazione 27 Novembre 2004 Scritto da Gianluca Bocchi e Mauro Ceruti
La matrice biologica dell'esistenza umana 09 Ottobre 2004 Scritto da Humberto Maturana
La ricostruzione delle menti e dei cuori 11 Settembre 2004 Scritto da Nino Sergi
Pensiero meridiano: una proposta di incontro tra culture 10 Luglio 2004 Scritto da Franco Cassano