scopri ISMO 2 offerta e metodologie 2 impresa culturale 2 percorsi professionali 2

Altrove presente - Migrazioni ed evoluzioni tra confini e contatto

  Ivan Carlot  

27 gennaio 2018 ore 10.00  - LavorInCorso - Dialoghi al confine

I migranti - coloro che lasciano i luoghi d'appartenenza divenuti inospitali, che fuggono il peggio o cercano il meglio - percorrono tracciati nelle vie del desiderio, delle aspettative e delle speranze. Mostrano i sintomi delle produzioni e riproduzioni di insoddisfazioni e sofferenze, portano in dono la propria creativa intraprendenza individuale, familiare o collettiva. Gli esiti più favorevoli si offrono spesso nell'incontro capace di vivere le molteplici risonanze della dimensione interculturale. L'esercizio di reciprocità tra confini e contatto, e la relazione nell'insieme delle sue componenti logiche e simboliche permettono, a chi si accosta per un tempo o a lungo alle migrazioni, aperture evolutive. Prendendo le mosse da alcune riflessioni sull'altrove che si fa presente - che ci interpella, ci allontana, ci abita - questa occasione suggerisce nel senso del viaggio una vocazione individuale e una domanda che accomuna.

IVAN CARLOT - è analista filosofo e counselor formatore, esperto di accoglienza e tutela di rifugiati, impegnato nella formazione interculturale.
Socio e docente ASPIC, insegna nei corsi ad approccio umanistico. Conferenziere dal 2008 al 2015 presso il Master sull’Immigrazione dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, formatore dal 2013 all’Università di Pisa. Consulente per la realizzazione di progetti europei, come il recente Resiland Project, e presso istituzioni, in collaborazione con associazioni e cooperative.
Ha raccolto e pubblicato scambi di racconti con migranti nei libri Di tè in tè (2002 e 2008), Indirizzi sconosciuti (2005 e 2008), Attraverso il Centro (2006) editi da Genesidesign.
Suoi contributi scritti sono presenti in Piccolo Lessico del Grande Esodo (Minimumfax, Roma 2017), Come un sasso o come un fiore (Sinopia, Venezia 2016), Qual è il tuo mito? (Mimesis, Milano 2016).

 

La partecipazione è gratuita, previa conferma alla nostra segreteria organizzativa (02.72.000.497 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

< >